Michel Petrucciani – “BODY AND SOUL” – Il Film

10 March 2013

Michel Petrucciani – “BODY AND SOUL” – Il Film (Jazz)

Postato da admin

No Comments

10 March 2013 - 10 March 2013

6:00pm – 8:00pm

Categories:

ll regista Michael Radford firma un documentario che rende omaggio alla vita del pianista jazz, di origine italiana, Michel Petrucciani.
Dotato di un talento fuori dal comune,ha lavorato con musicisti del calibro di Dizzy Gillispie, Steve Gadd e Jim Hall.
Durante la sua breve vita, dovuta ad una malattia genetica che lo aveva colpito fin dalla nascita (osteogenosi imperfetta), Petrucciani ha potuto dedicarsi completamente alla musica grazie anche ad uno speciale pianoforte che il padre gli aveva costruito appositamente per suonare senza difficoltà.
La genialità di questo grande artista, il suo tocco indimenticabile e mai eguagliato gli ha permesso non soltanto di esibirsi davanti al Papa Giovanni Paolo II, in occasione del Congresso Eucaristico nel 1997, ma anche di ricevere il prestigioso premio Django Reinhardt Award e il Cavalierato della Legion d’Onore.
Michel Petrucciani è morto il 6 gennaio 1999, appena trentaseienne.
Non ho mai sentito Michel lamentarsi di nulla. Michel non si guardava allo specchio per lamentarsi di quello che vedeva.
Michel era un grande musicista ed era grande, in ultima analisi, perché era un grande essere umano, ed era un grande
essere umano perché aveva l’abilità di sentire e di restituire agli altri questo suo sentimento, e dava agli altri attraverso la sua
musica. Qualsiasi altra cosa potete dire di lui sono formalità. Sono dettagli secondari di cui non mi importa nulla

(Wayne Shorter)
http://www.youtube.com/watch?v=LpeZ_2Ak5-I
Diceva che suonare è come dipingere, non occorrono tanti colori altrimenti tutto si confonde, bisogna scegliere alcuni colori e farne una creazione…
Mi raccontò che quando aveva quattro, cinque anni aprì il pianoforte di casa e vedendo la tastiera gli sembrò una fila di denti e fu come se un’ enorme bocca si aprisse dicendogli: “vuoi suonarmi?… vediamo se ci riesci”…».

Carla Marcotulli